Claudio Perugini, nato a Roma nel 1961, si è diplomato in composizione con Irma Ravinale, in pianoforte con Pieralberto Biondi e in musica corale e direzione di coro.
Ha ottenuto riconoscimenti in concorsi internazionali di composizione: premio “V. Bucchi” di Roma, “IMRO” di Arklow – Irlanda (“highly commended”), premio “S. Ferrari” di Piacenza (2° premio con “The song of Lynn” per soprano e pianoforte, su testo di Paolo Scaramella Proietti), e in seminari (Accademia Internazionale di Perugia, orchestra “Petrassi”, premiato con l’esecuzione del “concerto per contrabbasso e orchestra”).
Sue composizioni sono state eseguite in importanti rassegne concertistiche nazionali ed internazionali, in Italia (RomaEuropa festival, Festival Internazionale di Udine, G.A.M.O. di Firenze, Incontri musicali Romani , Folkstudio Contemporanea, rassegna “Alfeo Gigli” dell’Accademia Filarmonica di Bologna, “International Music Days” di Assisi, Festival delle Nazioni di Città di Castello, Festival Domani musica 2003, “Compositori a confronto 2004” dell’ Istituto “Peri” di Reggio Emilia, ecc.), all’estero (Festival Musica Nova di San Paolo del Brasile, Formosa per la radio nazionale cinese, in Germania, in Francia e inoltre a Vienna “Vox Titanis” per organo, maggio 2005, e ad Amsterdam, “Paotalux”, per pianoforte, novembre 2005) in prestigiose sedi (Accademia d’Ungheria, Forum Austriaco di cultura, Accademia Americana, Auditorium Rai di Roma) e diffuse da Rai Radiotre. “L’uomo nella prosperità non comprende” per mezzosoprano, voci recitanti e orchestra, commissionato nell’ambito delle manifestazioni per il Giubileo del 2000, è stato eseguito anche al Teatro Nazionale di Roma in occasione della consegna dei premi Nobel per la pace; “La storia di Eco e Narciso” per trio di fiati è stato eseguito nell’ambito del 41° Festival di Nuova Consonanza a Roma (2004); “Coralli”, per pianoforte, è stato eseguito da Per Rundberg al Festival “Antidogma Musica” (Torino, 2005). A Benevento sono stati inoltre eseguiti: “Dona mihi animam meam…” per baritono, voce recitante e orchestra, e il “Salmo CXLVIII” per soli, coro e orchestra (Teatro Comunale, 2003).
Suoi lavori sono incisi in CD da diverse case discografiche (Pentaflowers, Radio Onda d’Urto, Agenda, Rivoalto, Domani Musica), e pubblicati dalle case editrici Berben di Ancona, Agenda di Bologna e Taukay.
Ha tenuto seminari sulla musica del Novecento e contemporanea; presso la Fondazione Arts Academy di Roma. è ideatore del “Progetto in itinere- viaggio tra i sentieri dei linguaggi musicali”, in cui è stato relatore, per il 2005, della Masterclass tenuta da Guido Arbonelli. E’ autore del saggio “Il segno di Bach”, basato sulle relazioni tra ghematria, sectio aurea e serie di Fibonacci nella trascrizione del concerto di Marcello.
E’ titolare di Composizione presso il Conservatorio di Benevento, dove insegna dal 1986.

Questo sito utilizza i cookie per funzionare e fornire all'utente una migliore esperienza di navigazione.
Continuando la navigazione accetti le modalità d'uso indicate nella privacy policy