Vincenzo Gualtieri dopo aver condotto l’attività di pianista si è dedicato alla composizione di musica acustica ed elettronica. Ha seguito pertanto i corsi di composizione di G. Manzoni presso la Scuola di Musica di Fiesole, di A. Solbiati ed A. Guarnieri presso la Civica Scuola di Musica (MI), di A. Corghi presso l’Accademia Chigiana di Siena. Ha seguito infine i corsi di musica elettronica di R.Doati, F. Galante ed A. Di Scipio.
Il pezzo “Hemiolia” è stato finalista nel Concorso nazionale di Composizione tenutosi presso il Castello di Belveglio [AT] nel 1997.
Il pezzo “Traceless-steps” ha ricevuto una segnalazione di merito presso il Concorso “Progetto Giovani Compositori”- Fondazione G. Cantelli di Milano, presieduto dal Prof. Luigi Pestalozza.
Nel 1997 ha vinto una borsa di studio offerta dall’Istituto Italiano per gli Studi Filosofici per partecipare ai Seminarii dal titolo “Metafisica della Voce” organizzati dalla Sonus Edizioni e sotto il patrocinio della Regione Basilicata e dell’Ente Basilicata ’99.
Nel Gennaio 2000 ha curato le musiche e la regia del suono per uno spettacolo su testi di e sulla figura di Giordano Bruno nel quarto centenario dalla morte del filosofo ed in collaborazione con l’Istituto Universitario Orientale.
Ha partecipato due volte in qualità di compositore (nel 2001 e nel 2003) al Convegno internazionale: “Capire e Creare la Musica” svoltosi a Caserta presso la Seconda Università degli Studi di Napoli – Dipartimento di Matematica.
Ha seguito corsi di perfezionamento in musica informatica a Roma presso il CRM (Centro Ricerche Musicali): “Architettura del suono – progettazione e simulazione degli spazi d’ascolto”, e sempre a Roma sotto la guida di G. Maldonado su: “DirectCSound in tempo reale” e su “CSound AV”.
Un suo profilo è stato inserito nell’opera: “Enciclopedia Italiana dei Compositori Contemporanei” edita nel 1999 presso Flavio Pagano Editore ed a cura, fra gli altri, del Prof. Renzo Cresti.
Alcune sue opere sono state eseguite in città italiane fra le quali Torino (Goethe Institut – ensemble ANTIDOGMA), Roma (CRM), L’Aquila (La Terra Fertile), Palermo (C.I.M.S.), Cagliari (Spazio Musica), Siena (Accademia Chigiana), Latina e Napoli presso l’Università Federico II (dipartimento di Storia della Musica) e presso il Conservatorio di Musica. E’ stato inoltre più volte invitato da Associazioni Musicali come “Dissonanzen” ed “Eclettica” (presso il teatro Galleria Toledo) curando in più occasioni anche la regia del suono.
L’opera “Field” è stata inoltre eseguita nel giugno 2004 al “34th International Festival of electronic music and sonic art” di Bourges e nell’ottobre 2004 al “Santiago's 4th Annual Electroacoustic Music Festival” presso il Centro Cultural de España di Santiago del Chile.
E stato selezionato assieme ad altri quattro compositori dalla Federazione CEMAT (Centri Musicali Attrezzati - Ente di Promozione della Musica Contemporanea Italiana), per la promozione e la diffusione delle più recenti produzioni elettroacustiche di compositori italiani attraverso la realizzazione di una collana di CD promozionali. Pertanto è di prossima pubblicazione il primo CD della collana.
Nel maggio 2004, l’opera “Field” ha vinto il 1° premio al II Concorso Internazionale di Miniature Elettroacustiche: “CONFLUENCIAS – Arte y Tecnologia al Borde del Milenio” presso Siviglia (Spagna).

Questo sito utilizza i cookie per funzionare e fornire all'utente una migliore esperienza di navigazione.
Continuando la navigazione accetti le modalità d'uso indicate nella privacy policy