Roberto BECCACECI nasce ad Ancona il 30 agosto 1958.

Frequenta, giovanissimo, il corso di pianoforte presso l’Istituto Musicale della sua città, evidenziando ben presto attitudine allo studio della composizione.

Allievo di Mario Perrucci, consegue rapidamente il diploma di Musica corale e Direzione di coro presso il Conservatorio G. Rossini di Pesaro.

Nel frattempo scrive le sue prime composizioni, alcune delle quali denotano un particolare interesse per le scale acustiche microtonali ed extratemperate. Una selezione di queste composizioni è eseguita in numerose città italiane e straniere, tra cui Bucarest, Lussemburgo e Stoccarda.

1984 / ’86: frequenta a Perugia, sotto la guida di Fernando Sulpizi, un corso di perfezionamento in composizione, in seno al quale scrive il Concerto da camera per sei percussionisti. In seguito, il lavoro verrà eseguito a Venezia, ospite del teatro La Fenice, in occasione della presentazione del volume Le percussioni di Guido Facchin ed inciso su CD Artis Records dal Tàmmittam Percussion Ensemble.

1986: Cadenza - per clarinetto solo - entra fra le composizioni selezionate del Premio ‘900 Musicale Europeo, dedicato alla migliore interpretazione di un brano in prima esecuzione assoluta.

1987 / ’90: segue i corsi di perfezionamento in Composizione e Analisi del teatro musicale tenuti da Sylvano Bussotti presso la Scuola di Musica di Fiesole e gli Alti Studi di Genazzano (Roma).

1989: ottiene con Melikè - per soprano e quartetto di clarinetti - il 1° premio della Rassegna Internazionale di Composizione da camera, indetta dall’Accademia di Teatro e Musica Giulio Briccialdi di Terni e la menzione di merito del Concorso Internazionale di Composizione Premio Valentino Bucchi di Roma.

1990: il madrigale spirituale Dune - per doppio coro misto a cappella - riceve la menzione di merito del Concorso Internazionale di Composizione Guido d’Arezzo di Arezzo.

1993: le Variazioni sopra un “frammento” di Leonardo - per quartetto di flauti - entrano fra le opere selezionate del Concorso Nazionale di Composizione di Belveglio (AT) e dell’International Spectri Sonori Composition Contest, indetto dal Dipartimento di Musica della Tulane University di New Orleans.

1994: la Casa Editrice Agenda di Bologna pubblica uno studio monografico sulla sua opera curato dal musicologo Marco Maria Tosolini.

1995: la stessa Casa cura la registrazione su CD - promuovendone la distribuzione - de La Leggenda del Vecchio Marinaio, poemetto musicale per otto strumenti e cinque esecutori ispirato a The Rime of the Ancient Mariner, di Samuel T. Coleridge. Lo stesso lavoro riceve, nel 1997, la menzione di merito dello European International IBLA Grand Prize Competition for Composers di New York.

Ottiene con la cantata Selanna - per soprano e orchestra - il 1° premio del Concorso Internazionale di Composizione Gino Contilli, indetto dall’Accademia Filarmonica di Messina.

L’Accademia dei Leggieri di San Gimignano gli dedica un concerto monografico commissionandogli, per l’occasione, una composizione ispirata alla storia e alla cultura del luogo.

1996: il Museo Internazionale della Musica di Londra lo include tra i musicisti che si sono distinti nella professione musicale.

1997: la Guido Miano Editore di Milano pubblica - nell’ambito della collana dedicata ai Linguaggi della musica contemporanea - un saggio monografico sulla sua attività di compositore curato dal musicologo Renzo Cresti.

1998: l’International Biographical Centre di Cambridge (Inghilterra), l’American Biographical Institute e la Pagano Editore di Napoli pubblicano la sua biografia – rispettivamente - nella 13a edizione del Who’s Who of Intellectuals, nella 7a edizione del Five Hundred Leaders of Influence e nella 1a edizione dell’Enciclopedia Italiana dei Compositori Contemporanei.

1999: ottiene la menzione di merito dell’IBLA Grand Prize di New York per il poemetto Il tramonto della luna - per pianoforte a quattro mani e voce recitante ad libitum - e per il melologo Canto d’agosto - per voce recitante, clarinetto e quartetto d’archi -.

2000: ottiene con la Suite in Mi - per flauto e chitarra - il 1° premio del Concorso Internazionale di Composizione Chitarristica Paolo Barsacchi, indetto dal Centro Chitarristico Toscano.

La “Spiritual” Suite - per pianoforte - consegue il 2° premio (con 1° non assegnato) dell’International Città di Pietra Ligure Music Competition.

L’Accademia Nazionale di Santa Cecilia gli commissiona un lavoro per coro e orchestra da eseguirsi nell’ambito del concerto di Natale di quell’anno.

2002: il Capo dello Stato gli conferisce l’onorificenza di Cavaliere dell’Ordine “Al Merito della Repubblica Italiana”.

2004: ottiene con le Mikrokosmos Variations - per pianoforte - il 2° premio dell’International Prof. Ivan Spassov Composer’s Competition, indetto dall’Accademia di Musica e Danza di Plovdiv (Bulgaria) e dall’Unione dei Compositori Bulgari.

2005: l’Associazione Italiana Cultura e Sport, in collaborazione con l’Università Politecnica delle Marche e sotto l’alto patronato del Parlamento Europeo, gli conferisce il Premio Nazionale Beniamino Gigli – I Marchigiani dell’Anno.

2006: Whoo-whoo blues - per pianoforte - riceve la menzione di merito del Concorso Nazionale di Composizione Pianistica di Savona.

2008: ottiene con la sinfonia Flores il 4° premio ex aequo del Concorso Internazionale di Composizione Ottorino Respighi, indetto dalla Confartigianato.

Suoi lavori sono presentati in numerose rassegne, tra cui il Festival Valentiniano di Terni, il Todi Festival, la Settimana Internazionale di Musica Contemporanea di Bucarest, l’International Review of Composers di Belgrado, il Festival Nuovi Spazi Musicali di Roma, il Festival Europa Cantat; presso istituzioni quali l’Associazione dei Compositori Ucraini di Kiev, la New York University, la University of Southern California di Los Angeles, l’Accademia F. Liszt di Budapest, vari Istituti Italiani di Cultura all’estero e trasmessi dalla RAI, da Radio Vaticana e da diverse emittenti nazionali estere.

È autore, inoltre, del trattato I modi alterni: appunti per una classificazione teorica, scritto nel 1992 e pubblicato da Agenda.

Alcune tra le sue composizioni sono pubblicate dalle Edizioni Bérben (Ancona), Edi-pan (Roma), Agenda (Bologna), Suvini Zerboni (Milano), TauKay (Udine) e FLORESTANO (Bari).

Dal 1997 insegna Elementi di composizione nella Scuola di Didattica della Musica presso il Conservatorio N. Rota di Monopoli (BA); dal 2008 tiene un corso di Composizione e Trascrizione presso la Scuola Superiore Biennale per Direttori di Coro della Scuola Elementare, fondata dall’Associazione Regionale Cori Pugliesi, in collaborazione con il Ministero della Pubblica Istruzione.


Roberto BECCACECI was born in Ancona (Italy) on August 30th, 1958.

As a young boy he takes piano lessons in the local Musical Institute, showing a precocious aptitude for composition.

Shortly after he is awarded a diploma for Choral music and Chorus conducting at the G. Rossini Conservatory in Pesaro.

Meanwhile he has written his first compositions, some of which show a particular interest for microtonal scales and lead to a series of works which are played in many Italian and foreign cities. In Bucharest, Luxemburg and Stuttgart they are played over the radio.

1984 / ‘86: he attends, under Fernando Sulpizi, a specialized course in composition for which he writes the Concerto da camera for six percussionists, played in various Italian towns, at the La Fenice theatre in Venice and recorded on CD by Artis Records of Milan.

1986: Cadenza - for solo clarinet - is one of the chosen compositions for the European Musical ‘900 Prize, given for the best interpretation of a piece never performed before.

1987 / ’90: he attends, under Sylvano Bussotti, a specialized course in Composition and Analysis of musical theatre at the Music School in Fiesole (Florence) and the Alti Studi in Genazzano (Rome).

1989: he is awarded for Melikè - for soprano and clarinet quartet - 1st prize at the International Competition of Chamber Music organized by the “Accademia di Teatro e Musica G. Briccialdi” in Terni and gets a mention of merit at the International Premio Valentino Bucchi Composition Competition of Rome.

1990: Dune - for double mixed chapel choir - receives a mention of merit at the International Guido d’Arezzo Composition Competition of Arezzo.

1993: Variazioni sopra un “frammento” di Leonardo - for flute quartet - is one of the chosen compositions for the Belveglio National Composition Competition and the International Spectri Sonori Composition Contest, organized by the Music Department of the Tulane University in New Orleans.

1994: Agenda Musical Editions in Bologna publishes a monographic essay on his work attended by the musicologist Marco Maria Tosolini.

1995: the same publishing house edits the compact disc recording of La Leggenda del Vecchio Marinaio, a musical poem for eight instruments and five performers based on The Rime of the Ancient Mariner by Samuel T. Coleridge. In 1997 the same work gets a mention of merit at the European International IBLA Grand Prize Competition for Composers of New York.

He is awarded for Selanna - for soprano and orchestra - 1st prize at the International Gino Contilli Composition Competition, organized by the “Accademia Filarmonica” in Messina.

He gets an order by the “Accademia dei Leggieri” in San Gimignano (Siena) for a composition inspired to the local history and culture, performed in a monographic concert.

1996: the International Music Museum in London admits him among the musicians who have distinguished themselves in the music profession.

1997: Guido Miano Publisher in Milan publishes, within a collection titled Languages of contemporary music, a monographic essay on his work attended by the musicologist Renzo Cresti.

1998: the International Biographical Centre in Cambridge (England), the American Biographical Institute and Pagano Publisher in Naples include his biography in the 13th edition of International Who’s Who of Intellectuals, the 7th edition of Five Hundred Leaders of Influence and the 1st edition of Enciclopedia Italiana dei Compositori Contemporanei, respectively.

1999: he gets a mention of merit at the IBLA Grand Prize of New York for Il tramonto della luna, a musical poem for piano four hands and ad libitum reciting voice and for Canto d’agosto, a melologue for reciting voice, clarinet and string quartet.

2000: he is awarded for Suite in Mi - for flute and guitar - 1st prize at the International Paolo Barsacchi Composition Competition for Guitar, organized by the “Centro Chitarristico Toscano”.

He is awarded for “Spiritual” Suite - for solo piano - 2nd prize (1st prize not awarded) at the International Città di Pietra Ligure Music Competition.

He gets an order by the “Accademia Nazionale di Santa Cecilia” in Rome for a composition for choir and orchestra to perform during the Christmas concert of that year.

2002: the Head of the State awards him the sign of honour of Cavaliere dell’Ordine “Al Merito della Repubblica Italiana”.

2004: he is awarded for Mikrokosmos Variations - for solo piano - 2nd prize at the International Prof. Ivan Spassov Composer’s Competition, organized by the Academy of Music and Dance in Plovdiv (Bulgaria) and the Union of Bulgarian Composers.

2005: the Italian Association of Culture and Sport, with the collaboration of the Marches Polytechnic University and under the patronage of the European Parliament, awards him the National Beniamino Gigli Prize.

2006: Whoo-whoo blues - for solo piano - receives a mention of merit at the National Composition Competition for Piano of Savona.

2008: he is awarded for Flores - for small orchestra - 4th prize ex aequo at the International Ottorino Respighi Composition Competition, organized by the National “Confartigianato” Association in Rome.

His music is performed in numerous festivals as the Valentiniano Festival in Terni, the Todi Festival, the International Week of Contemporary Music in Bucharest, the International Review of Composers in Belgrade, the Nuovi Spazi Musicali Festival in Rome, the Europa Cantat Festival; into Institutions as the Association of the Ukrainian Composers in Kiev, the New York University, the Southern California University in Los Angeles, the F. Liszt Academy in Budapest, various Italian Institutes of Culture and broadcasted by RAI, Vatican Radio and several foreign broadcasting corporations.

He has also written a treatise titled: I modi alterni: appunti per una classificazione teorica (The alternate modes: notes for a theoretic classification), published by Agenda.

Some of his works have been published by Bérben (Ancona), Edi-pan (Rome), Agenda (Bologna), Suvini Zerboni (Milan), TauKay (Udine) and FLORESTANO (Bari).

Since 1997 he is teaching Fundamentals of Composition at the Musical Didactics Department of the N. Rota Conservatory in Monopoli (Bari); since 2008 he is holding a course in Composition and Transcription at the Two-year High School for Primary School Choir Conductors, founded by the Apulian Choirs Regional Association, with the co-operation of the Ministry of Education.

http://www.robertobeccaceci.it

 

 

Questo sito utilizza i cookie per funzionare e fornire all'utente una migliore esperienza di navigazione.
Continuando la navigazione accetti le modalità d'uso indicate nella privacy policy