60x60 Images

Mostra di arti dell’immagine
a cura di Francesca Agostinelli

Allestimento: Trapper

in collaborazione con il Teatro Nuovo Giovanni da Udine

La mostra resterà aperta dal 12 al 24 ottobre
orari: dalle ore 17.00 alle ore 19.00 
chiusure: domeniche e 18 ottobre

 

La mostra sul web: http://www.taukay.it/data3/001/60x60/60x60_images.html

Paul Adriaenssens
Emanuela Biancuzzi - Debora Vrizzi
Gaetano Bodanza
Massimiliano Busan
Roberto Cantarutti
Gianmarco Caselli
Jocelyne Clémente
Lorenzo Commisso
Paolo Comuzzi
Walter Criscuoli
Annibel Cunoldi Attems
Francesco De Giorgi - Antonio Losacco
Luciano Del Zotto
Franco Del Zotto Odorico
Enrica Di Gangi
Gary Duehr
Juan Escudero
Fabiola Faidiga
Alfonso Firmani
Diego Garro
Aldo Ghirardello
Patrizia Giambi
Luigi Giannella
Ingrid Gotlieb
Ben Harris
Tony Hayère
Dave Hebb
Alain Joule
Duck Juggler
Robert Kirkbride
Raffaele Lasciarrea
Cyprian Li
Mark Lomax
Konstantin Lunarine
Scott M2
Cecilia Medina
Maggi Payne
Hilda Paz
Sylvia Pengilly
Massimo Poldelmengo
Jesse Read
Alessandro Rietti
Maura Savini
Aurelio Scotto
Niklas Seidl
Maxim Seloujanov
Giulia Spanghero
Michele Spanghero
Sonia Squillaci
Ema Temelkova
Alessandro Traina
Stefano Tubaro
Laurens van der Wee
Evelien van Zonneveld
Giancarlo Venuto
Carlo Vidoni
Elisa Vladilo
Vittorio Zago
Toni Zanussi
Luigi Zilli 

L’attenzione per le arti visive caratterizza il Festival di Nuova Musica sin dalle origini, e la sinergia che negli anni si è definita tra il mondo visivo e quello sonoro testimonia l’ampiezza della ricerca sul contemporaneo che Delta Produzioni e Taukay perseguono. Questa quattordicesima edizione, pur nel momento di gravità che il mondo creativo sta vivendo, è pensata in grande. Straordinariamente e coraggiosamente in grande, così da divenire occasione per fare il punto di un percorso ma anche per rilanciare, stringendo il mondo visivo alla musica nuova in un progetto condotto a livello internazionale. 
60x60 Images assume infatti il format del progetto che il musicista americano Robert Voisey va conducendo da anni intorno alla musica elettronica. Un work in progress quello di Voisey, che ha invitato 60 artisti a comporre un pezzo della durata massima di 60 secondi per realizzare un unico brano elettronico di 60 minuti, che si potrà ascoltare all’interno del festival il 16 ottobre. Ma caratteristica del progetto è un pensiero aperto e moltiplicativo, che ha coinvolto il mondo della creatività musicale, così da aggiungere ai 60 partecipanti iniziali altri 60 e 60 ancora in forma estensiva e modulare.
60x60 Images rilancia il parallelo visivo a 60 artisti, che dalla dimensione temporale su cui si snoda la musica, sono migrati a quella metrica per produrre ciascuno un’opera della dimensione di 60x60 centimetri.
Chi sono gli artisti?
Quaranta provengono da un call for works condotto sul web, che ha visto la difficile scelta tra 221 opere pervenute da 26 paesi del mondo. Venti artisti sono stati invitati al 60x60 Images ripercorrendo in parte la storia di una collaborazione, in parte allargando lo sguardo alla ricerca del contemporaneo sul territorio regionale. Così è nata l’edizione arti visive 2010 che vive un’eterogeneità cosmopolita, talora contrastante o dissonante, ma capace di incontrarsi per interpretare il variegato mondo che Contemporanea accoglie intorno all’idea della musica, della creatività e della misura. 60x60 Images muove da un’idea di Vittorio Vella e parte dal Giovanni da Udine per poi migrare sul web in un’esposizione virtuale a carattere planetario, che si aprirà a nuovi contributi e possibilità nuove. Ci pare che questo approccio, così profondamente legato al territorio, ma proteso allo stesso tempo verso il mondo, sia la giusta chiave per interpretare i tempi che stiamo vivendo.

Francesca Agostinelli 

Questo sito utilizza i cookie per funzionare e fornire all'utente una migliore esperienza di navigazione.
Continuando la navigazione accetti le modalità d'uso indicate nella privacy policy