Virginio Zoccatelli è nato nel 1969. Dall'infanzia ha vissuto con la famiglia in provincia di Verona,
città nella quale ha compiuto gli studi musicali privatamente e all'interno del Conservatorio Statale di Musica "E. Dall'Abaco", diplomandosi in Pianoforte con R. Bonizzato, in Strumentazione per Banda con P. Pachera e in Composizione con A. Zanon e A. Mannucci. Dal 93 al 95 ha seguito il Corso di Perfezionamento in Composizione tenuto da Franco Donatoni presso la Fondazione "R. Romanini" di Brescia ottenendo il diploma di merito; hanno inoltre contribuito alla sua formazione artistica le frequentazioni professionali con i compositori V. Donella, A. Solbiati, G. Bonato. Dopo la maturità classica, ha intrapreso gli studi musicologici presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell'Università di Bologna, laureandosi con una tesi sulle Teorie della retorica musicale applicate alla analisi della musica moderna e contemporanea. A 30 anni risulta tra i più giovani autori inseriti nell' "Enciclopedia italiana dei Compositori Contemporanei" edita da Pagano (Napoli, 1999).
Le sue musiche (dal '93) sono state premiate in diversi concorsi nazionali ed internazionali: da citare il Primo Premio assoluto al Concorso internazionale di Composizione per Chitarra "A. Segovia" di Almunecar in Spagna nel 2000, il Premio al Concorso "Progetto Giovani Compositori 2001" promosso dalla Fondazione Orchestra G. Cantelli di Milano, il Primo Premio al Concorso internazionale " Euritmia" di Povoletto (Ud) nel 2004, il Primo Premio al Concorso europeo "B. Bettinelli" ed. 2006, il “Premio Abbiati” per la Scuola 2008.
Diversi lavori sono stati radio e video trasmessi dalla Rai, Radio Tre e Radio Vaticana:
le sue composizioni, presentate in Italia e all'estero, sono state eseguite da prestigiosi solisti (G. Arbonelli, S. Caldini, E. Calcagni, A. Carcano, F. Donadoni, A. Maruri, E. Roselli, D. Ruggieri, Duo G. e S. Vianello, Duo Lantieri- Zecchinelli), ensemble (Ex Novo Ensemble, Ensemble di Musica Attuale, Dedalo Ensemble, Quartetto" Xenakis", Trio Flarbò, Trio d'archi di Verona), orchestre ( Accademia Musicale Salieri, Abendmusiken di Verona, Orchestra Cantelli di Milano, Budapest Concert Orchestra MAV, Orchestra del Conservatorio di Sassari, Orchestra giovanile ed ensemble di musica contemporanea del Conservatorio di Udine, Accademia Secolo XXI, Urs Machler ) e direttori (C. Ambrosini, A. Canonici, G. La Licata, G. Tanasini, M. Testa, V. Parisi). Attualmente il suo catalogo comprende oltre 250 composizioni per ogni tipo di organico: molte di queste opere sono state pubblicate sin dal '93 presso le Edizioni Agenda (Bo), Eridania, Chiola Music Press, E.M.E.C., (Madrid), AGC (Veneto), Edizioni Musicali Europee (Mi), Per caso sulla Piazzetta (Av), Taukay, RaiTrade (Cd Open dialogues 2010 e Orchestral movements 2011).
E' direttore musicale de l'Accademia Secolo XXI, orchestra con la quale, dal '99, ha affrontato un vasto repertorio della musica colta occidentale, ma con particolare attenzione alla produzione moderna e contemporanea, tenendo spesso prime esecuzioni assolute. In tale veste ha collaborato con gli attori e registi: P. Pitagora, G. Lazzarini, P. Valerio, G. Franceschini, R. Maffei, U. Pagliai e con i musicisti quali P. Toso, C. Gasdia, K. Ricciarelli, F. Burato e con orchestra quali la Budapest Concert Orchestra MAV.
Docente dal ‘96 presso i Conservatori statali italiani, attualmente è titolare della cattedra di Elementi di Composizione per Didattica della Musica presso il Conservatorio "J. Tomadini" di Udine.

Questo sito utilizza i cookie per funzionare e fornire all'utente una migliore esperienza di navigazione.
Continuando la navigazione accetti le modalità d'uso indicate nella privacy policy